Piano di controllo di un processo produttivo: gli step fondamentali

Apr 6, 2021 | Prevenzione | 0 commenti

a Home $ Prevenzione $ Piano di controllo di un processo produttivo: gli step fondamentali

I controlli dei processi produttivi industriali svolgono un ruolo importante perché permettono di individuare un guasto o un evento inaspettato e tenere sempre monitorati i parametri di funzionamento delle macchine.

È anche grazie a questi controlli che è possibile capire se c’è un accumulo di cariche elettrostatiche, spesso causa di interruzioni, rallentamenti e di problemi nella qualità e nella lavorazione dei materiali.

I controlli possono essere effettuati a mano o attraverso complessi software collegati ai computer, a seconda delle esigenze e del tipo di produzione: l’obiettivo di queste operazioni è sempre il mantenimento degli standard di sicurezza e il miglioramento continuo dei processi stessi. 

Gestione dei processi produttivi: le variabili da considerare 

Il controllo e la gestione della produzione dipendono in particolare da:

  • tipologia della produzione
  • tipologia di ogni operazione 
  • dimensioni

Questi fattori determinano le variabili di cui bisogna tenere conto nell’organizzazione del controllo. È infatti fondamentale sapere che cosa controllare, quali dati raccogliere e come conservarli, in che momento del processo farlo, chi sono i soggetti interessati, a cosa porteranno i risultati ottenuti e che azioni verranno intraprese. 

Come eseguire i controlli, quali dati raccogliere e quando farlo

A seconda della natura della produzione industriale e delle sue dimensioni, una volta individuato il processo su cui agire, si può optare per dei controlli che coprano tutta la linea, per esempio attraverso l’adozione di allarmi che segnalano ogni anomalia, oppure per controlli a campione. 

Che tipo di dati vengono raccolti durante un controllo? Possono essere di diversa natura: anche questa è una decisione da prendere sulla base della tipologia di produzione e delle altre variabili, perché dovrà essere funzionale al miglioramento del processo. Lo stesso vale per la conservazione delle informazioni: attraverso un sistema di accesso semplice e veloce si potrà studiare il processo e impostare di conseguenza delle azioni per il miglioramento a lungo termine. 

Le tempistiche, infine, sono un aspetto molto importante da considerare. Un controllo efficace va effettuato quando eventuali anomalie possono essere corrette, quindi non a fine produzione ma durante la stessa, sebbene possa comportare dei ritardi nel completamento dei cicli. 

Controllo e gestione dei processi produttivi: quali sono i principali vantaggi?

L’obiettivo di un solido sistema di controllo dei processi è prima di tutto identificare le cause che hanno fatto insorgere l’anomalia, per cercare poi di comprenderne a fondo i meccanismi. L’ultimo passaggio porta ad accertarsi di aver identificato ed eliminato le cause scatenanti.

I benefici per l’azienda riguardano in particolare i seguenti aspetti: 

  • garantire la sicurezza dei processi
  • assicurare un flusso regolare di tutti i processi di produzione
  • assicurare risparmi sui costi di produzione e migliorare i profitti
  • monitorare lo spreco di risorse
  • mantenere lo standard durante tutto il ciclo di vita della produzione.

Grazie all’adeguata gestione dei processi produttivi è possibile infatti individuare con facilità anomalie come un calo della qualità del prodotto o un’interruzione del processo, che può essere dovuto, per esempio, all’accumulo di cariche elettrostatiche, e prendere gli adeguati provvedimenti perché ciò non si verifichi in futuro. Ma come funziona il controllo nel caso specifico dell’energia statica che si accumula durante la produzione industriale?

Controllo di un processo produttivo: gli step del monitoraggio per prevenire l’accumulo di elettricità statica 

Nei cicli di produzione industriale, le cariche elettrostatiche che si accumulano possono dar luogo a una serie di inconvenienti più o meno gravi, come il pericolo di scosse per gli operatori oppure dei rallentamenti nei processi e un aumento degli scarti. Se hai riscontrato uno di questi problemi e hai escluso altre cause, come il malfunzionamento di una macchina, probabilmente è presente un accumulo di cariche elettrostatiche e la soluzione consiste nell’installare delle barre antistatiche o ionizzanti che riportino i materiali lavorati in condizioni neutre. Tuttavia, prima di procedere con questa operazione, è necessario studiare il caso specifico con l’aiuto di un consulente, che possa stabilire con precisione dove si formano le cariche. 

Studio di materiali e processi

La prevenzione dell’accumulo di elettricità statica comincia con uno studio dei processi di produzione e dei materiali impiegati. Le cariche elettrostatiche si generano in particolare a seguito di frizioni, compressioni, separazioni, induzione, oppure in presenza di variazioni di temperatura e in ambienti molto secchi. Alcuni materiali, come le plastiche, sono particolarmente soggette a questo fenomeno.

La misurazione delle cariche e la scelta delle barre

Per scegliere il prodotto migliore, un tecnico specializzato effettuerà un sopralluogo e una misurazione iniziale delle cariche con un rilevatore di cariche elettrostatiche. Potrà così consigliare quali barre installare, dove e in che numero, perché la loro azione sia efficace.

Il monitoraggio 

Una volta installata, la barra inizia a ionizzare il materiale. Un sistema come SmartControl di Meech, ad esempio, permette di controllare e monitorare continuamente la sua azione. 

Hyperion SmartControl Touch di Meech: la soluzione per il controllo dell’accumulo di cariche elettrostatiche nei processi di produzione

Il sistema SmartControl Touch della gamma Hyperion di Meech consente all’utente di monitorare, controllare e regolare le prestazioni delle barre ionizzanti connesse al dispositivo, tramite il touch-screen integrato, oppure da remoto attraverso telefono cellulare, tablet o desktop.

SmartControl Touch utilizza la tecnologia di monitoraggio della corrente ionica di Meech e permette di collegare direttamente 6 barre e altre 24 barre aggiuntive, utilizzando due unità di espansione vendute separatamente. Un sistema di controllo centrale che assicura il massimo dell’affidabilità.

Noi di Barreantistatiche.it siamo rivenditori esclusivi dei prodotti Meech, azienda britannica che progetta e produce alcune tra le barre ionizzanti con performance più elevate disponibili del mercato. Pensi che la tua produzione abbia un problema di elettricità statica? Prenota una consulenza con un nostro tecnico. 

I nostri tecnici sono a tua disposizione per una consulenza.

La nostra consulenza prevede:

0. Analisi preliminare della tua situazione specifica, in videochiamata o per telefono
1. Sopralluogo in azienda, misurazione della carica e test di prodotto sulla macchina
2. Scelta della soluzione più adatta
Siamo rivenditori esclusivi per l’Italia delle barre elettrostatiche Meech, una delle pochissime aziende del settore ad aver compreso realmente qual è il ruolo dell’elettricità statica nei processi produttivi e che realizza barre ionizzanti estremamente performanti, tra le migliori sul mercato.
3. Assistenza post-vendita