Barre antistatiche passive VS barre attive: le differenze

Apr 28, 2021 | Prodotti | 0 commenti

a Home $ Prodotti $ Barre antistatiche passive VS barre attive: le differenze

Barre antistatiche passive VS barre attive: le differenze

Molte aziende dell’automazione industriale hanno un problema che può causare gravi danni alla produzione e all’azienda: si tratta dell’accumulo di cariche elettrostatiche

L’accumulo di energia statica, infatti, è un fenomeno comune tra le imprese che  lavorano materiali neutri come plastica, carta e tessuti.

Un nemico insidioso che può essere eliminato installando delle apposite barre, che possono essere attive o passive. 

Perché si formano le cariche elettrostatiche

Prima di capire come funzionano i dispositivi per neutralizzare le cariche, dobbiamo capire perché queste si formano

L’accumulo di cariche elettrostatiche si verifica quando forze esterne (frizioni, compressioni, separazioni, induzione) sollecitano materiali isolanti – che in condizioni normali sono elettricamente neutri, avendo lo stesso numero di elettroni e protoni – sottraendo elettroni da un atomo per passarli nell’altro. Si rompe quindi l’equilibrio di cariche positive e negative che esiste in condizioni normali e si formano le cariche elettrostatiche.

Questo fenomeno può provocare vari problemi nella produzione:

Inoltre, se la carica elettrostatica non viene scaricata a terra c’è un altro problema: quando l’operatore si avvicina al macchinario o al prodotto finito, può prendere la scossa, col rischio di avere una reazione improvvisa e provocare pericolosi incidenti.

Per evitare queste conseguenze, è necessario usare dei sistemi ionizzanti: le barre antistatiche.

Ma quali scegliere: le barre attive o quelle passive? Vediamo quali sono le differenze. 

Le differenze tra barre attive e barre passive

Le barre utili a neutralizzare le cariche possono essere di due tipi: attive o passive.

Le barre attive sono utilizzate nelle macchine che lavorano ad alte velocità materiali che sono poco conduttori. Hanno bisogno di essere alimentate per poter essere utilizzate e neutralizzano la carica attraverso un processo di ionizzazione costante dell’aria. 

Le barre passive sono meno utilizzate, fungono da conduttore per scaricare la carica elettrostatica a terra nelle produzioni che utilizzano macchine che lavorano a velocità contenuta. Non hanno bisogno di fonti di alimentazione e funzionano solo con i materiali più conduttori 

Di norma, i settori che utilizzano materiali neutri sono: packaging, biomedicale, stampa, converting, alimentare e tessile. Sono tutti settori che impiegano macchine automatiche che lavorano ad alte velocità e questo spiega perché le barre attive sono le più utilizzate per neutralizzare l’accumulo di cariche nelle aziende che ne fanno parte. 

Sistemi semi attivi e barre ionizzanti: come funzionano

Le barre ionizzanti sono dispositivi antistatici attivi – insieme a soffianti, ugelli, barre circolari o veli ionizzati – che si basano sul principio della ionizzazione dell’aria. Una volta installata in un punto del macchinario e attaccata a una fonte di alimentazione, la barra ionizza continuamente l’aria circostante neutralizzando la carica elettrica presente sulle superfici dei pezzi in lavorazione e sulla macchina. 

Le barre ionizzanti si dividono a loro volta in: 

Abbiamo scelto di essere rivenditori Meech 

Noi abbiamo scelto le barre attive Meech, azienda britannica che progetta e produce alcune tra le barre elettrostatiche più performanti del mercato e di cui siamo rivenditori esclusivi per l’Italia.

Se hai un problema di cariche elettrostatiche e non sai quale tipologia di barra scegliere possiamo aiutarti a risolverlo con un sopralluogo nella tua azienda. Perché installare una barra attiva spesso non basta per eliminare le cariche: bisogna misurarle e capire dove, quante e quali barre devono essere installate sul macchinario. Hai quindi bisogno della consulenza di un esperto. 

I nostri tecnici sono a tua disposizione per una consulenza.

La nostra consulenza prevede:

0. Analisi preliminare della tua situazione specifica, in videochiamata o per telefono
1. Sopralluogo in azienda, misurazione della carica e test di prodotto sulla macchina
2. Scelta della soluzione più adatta
Siamo rivenditori esclusivi per l’Italia delle barre elettrostatiche Meech, una delle pochissime aziende del settore ad aver compreso realmente qual è il ruolo dell’elettricità statica nei processi produttivi e che realizza barre ionizzanti estremamente performanti, tra le migliori sul mercato.
3. Assistenza post-vendita